I funghi di primavera Featured

Monday, 08 May 2017 12:29 Written by  Valeria Valentini

Dal mese di marzo in avanti, le temperature si alzano e la neve, che durante i mesi più rigidi ha protetto il terreno dalle gelate invernali, inizia a sciogliersi contribuendo così a mantenere il suolo umido. Iniziano le prime fioriture, le prime gemme si sviluppano così come i primi funghi fanno la loro comparsa nelle pianure e nelle valli in bassa quota fino ai 1000 m di altitudine. Analizzeremo in questa sede i funghi tipicamente primaverili introvabili in altre stagioni.


Una vera primizia, per il periodo di crescita tra il tardo inverno e l’inizio della primavera, è l’Hygrophorus marzuolus. A differenza della maggior parte degli altri funghi si può trovare al di sotto di strati di neve, semi-nascosto tra aghi di pino o fitti strati di fogliame di Faggio, tanto da poterlo considerare un fungo semi-ipogeo ovvero a crescita semi-sotterranea. Senza odore particolare ma con sapore gradevole ha carne bianca che tende a ingrigire con l’età. Lamelle bianche, larghe, di consistenza lardacea e decorrenti. Considerate le caratteristiche morfocromatiche generali, l'ecologia e il periodo di crescita le possibilità di confusione di questo fungo con altri sono abbastanza remote.

Un altro fungo tipicamente primaverile è  Entoloma clypeatum, associato sempre con Rosaceae, in particolare col Prugnolo selvatico. Il nome Clypeatum deriva da clypeus per la forma umbonata del cappello che effettivamente ricorda il clipeo,  antico scudo da combattimento dotato di umbone centrale. Fungo omogeneo, carnoso; nel giovane il cappello risulta campanulato, in seguito piano, ma sempre con umbone, con l’orlo lobato ed involuto. La cuticola di color bruno-grigiastro è liscia, molto igrofana. La carne leggermente fibrosa, di colore variabile dal beige al camoscio, emana un piacevole odore di farina fresca. Altri Entoloma con lo stesso portamento del fungo in questione sono tipicamente primaverili, in particolare quelli della Sez. Nolanidea, con specie abbastanza vicine che si possono distinguere per alcuni elementi. Associati con Rosaceae troviamo Entoloma sepium ha viraggio arancio-rosso soprattutto alla base, e non è igrofano e Entoloma niphoides ha cappello completamente bianco. Entoloma aprile e Entoloma saundersii si trovano sempre legati con  Ulmus spp. Il primo ha carpofori più slanciati, gambo fistoloso e non ha giunti a fibbia nell'epicute, il secondo ha cappello micaceo, fibrilloso e spore decisamente più grandi che in queste altre specie.

Il mese di aprile è il mese ideale per la Calocybe gambosa conosciuto infatti, anche come Fungo di San Giorgio. Cresce soprattutto nei prati, (ma anche in macchie e radure di boschi) spesso in gruppi disposti a formare dei cerchi. Il cappello carnoso, anche ai margini, di colore avorio, crema ocraceo, inizialmente convesso diventa pianeggiante irregolare da adulto; le lamelle, biancastre, crema pallido, sono fitte, adnate o smarginate; il gambo biancastro o crema, pruinoso, è cilindrico, clavato, ma a volte anche attenuato verso il basso, pieno da giovane poi farcito; la carne è bianca, con forte odore e sapore di farina fresca.

I veri protagonisti primaverili sono gli ascomiceti e in particolare i funghi principi di questo periodo sono le Morchelle. Al Genere Morchella appartengono funghi che presentano un gambo e di un cappello (mitra) costituito da numerose cellette di forma più o meno regolare (alveoli) appressate l’una all’altra che complessivamente assomigliano ad un alveare. Il cappello e il gambo sono contigui e saldati l’uno all’altro, completamente o in parte. Il Genere di appartenenza annovera diverse specie come: Morchella conica (mitra conica più o meno affusolata con costolature regolari e parallele. Cresce a gruppi nei terreni rudimentali, su substrato ricco sostanze organiche), Morchella Esculenta (mitra ovoidale di colore grigio con costolature irregolari), Morchella semilibera (la caratteristica peculiare  è che questa  è “semilibera”, in quanto attaccata al gambo solamente per i ⅔. Per lungo tempo è stato inserito nel genere Mitrophora, ma non è stata sufficiente la sola caratteristica dell’attaccatura della mitria al gambo per farne un genere a sé stante rispetto alle morchelle). Sono considerate ottimi commestibili ma, per il loro corretto consumo, al fine di eliminare le tossine in esse contenute, devono essere sottoposte a precottura . Il consumo da crudo, o dopo cottura non corretta, è causa di sindrome emolitica. La somiglianza con le spugnole fa sì che i carpofori appartenenti al genere  Gyromitra vengano chiamati “falsa spugnola” o “falsa morchella” e ogni anno causino intossicazioni, alcune delle quali addirittura mortali. Sono responsabili della sindrome gyromitrica  dovuta alla giromitrina, una tossina presente in tutte le specie appartenenti al Genere. Il nome Gyromitra deriva dal greco guròs (γυρός) = rotondo e mitra (μίτρα) = mitra, cioè mitra rotonda. La mitra ha un aspetto “cerebriforme”, con variazioni di colore dal rosso ruggine al bruno. Gyromitra Esculenta ha pieghettatura evidente e gambo esile, mentre Gyromitra Gigas differisce per le spore con decorazioni agli apici e il  gambo molto irregolare.

Nel periodo primaverile, con la ricerca delle prelibate Morchelle, non è certo cosa impossibile trovare negli stessi habitat altri ascomiceti. In particolare, è frequente il rinvenimento di carpofori del genere Verpa. Sono provvisti di gambo e cappello distinti. Il cappello è saldato al gambo solo alla sua sommità. Tutta la mitra appoggia sulla parte superiore del gambo. La Verpa conica presenta mitra liscia e di colore ocra- bruno chiaro. Cresce isolata o a gruppi in terreni sabbiosi in prossimità dei salici lungo i corsi d’acqua. Ha 8 spore per asco. La Ptychoverpa bohemica di dimensioni maggiori alla precedente, ma con la mitra più grande e con superficie pieghettata. Ha 2 spore per asco.

Un altro fungo che cresce nel medesimo habitat delle morchelle è Disciotis venosa, confondibile solo con Discina perlata che però ha habitat distinto (conifere) e non possiede il forte odore di cloro della specie qui presentata. I colori e le venature fanno risaltare molto bene questo fungo tra l'erba al margine dei boschi o dei sentieri. Il forte odore di cloro scompare con la cottura e questo lo rende commestibile.

Valeria Valentini

 

Last modified on Tuesday, 09 May 2017 14:01
Read 365 times
Rate this item
(0 votes)

3 comments

  • Comment Link OlebiEralaYD Saturday, 02 December 2017 18:39 posted by OlebiEralaYD

    Вы ищите сайт с правдивыми новостями? Не хотите переходить на страницы желтой прессы? Советуем вам обратить внимание на Сергей Михеев видео - cайт пользуется спросом ежедневно и каждый день публикует только свежую информацию.

    Вас интересуют новости, которые произошли сегодня? Вы хотите быть в курсе всех новостей, которые произошли в стране ЕС – заходите на apral.ru. Тут публикуются данные о всех событьях в мире, вы сможете найти самые свежие политические обзоры от специалистов. Также есть и военный раздел, в котором добавляется армейская аналитика и данные по вооружению большого количества стран.

    Есть и раздел, который посвящается лайфхакам. Там публикуются разные интересные факты, о которых мало кто знает. К примеру, именно там можно найти информацию о аренде автомобиля за границей. Также, там есть информация о самых недорогих гостиницах в Европе и новости авиаперевозчиков.

    Если вы хотите приобрести бюджетные авиа или железнодорожные билеты, советуем вам следить за всеми новостями в соответствующем разделе. Он постоянно освежается новостями и там публикуется свежая лента обзоров.
    Если вы заинтересованы в политические новости и обзорах или например в последние новости россии сегодня , всё то, о чём молчат другие веб-сайты сегодня – переходите в раздел «Политика».

    Там добавляется информация о всех событьях не только в мире и странах СНГ, но и информация, посвящённая всем странам ЕС и Азии. Там можно найти и событья, которые происходят в Америке.

    Если вас интересуют новости России, последние информация о предстоящей президентской компании, международная безопасность, читайте посвященный этому раздел на портале.

  • Comment Link Marco Monday, 08 May 2017 23:46 posted by Marco

    Manca indicazione circa la commestibilità dei primi funghi descritti

  • Comment Link Silvano Monday, 08 May 2017 23:00 posted by Silvano

    Grazie Valeria per il tuo contributo competente ed interessante sulle specie primaverili.

Login to post comments